Lussekatter Brioches di Santa Lucia con lievito madre

Santa Lucia…una santa che non può vedere….una notte…buia di un buio più buio del buio….e poi ” SUL MARE LUCCICAAAAA….L’ ASTRO D’ ARGENTOOOO….”!!!! Ed infine queste brioches a forma di esse dal nome Lussekatter…se non ci avete capito un’ acca andate da Sonia…dopo aver visto i suoi dolcetti (ricetta alla quale mi sono ispirata ^_^), andate da Dauliana e leggete questo articolo troppo divertente!!!! Tornerete certamente con le idee più chiare e mentre impastere (perchè questi dolcetti s’ hanno da fare), canterete….Sul mare luccicaaaaaaa….l’ astro d’ argentooooo…placida è l’ onda….mormora il ventooooooooo…….!!!!! Oggi quindi ricettina finalmente Natalizia ma Stay Tuned perchè questo è solo l’ inizio! 

Lussekatter – Brioches di Santa Lucia

Ingredienti
(per 20 pezzi)

250g di farina 0
100g di farina di farro
100g di farina Tipo 1
250ml di latte tiepido
100g di zucchero grezzo di canna
100g di lievito madre attivo
1 bustina di zafferano
80g di burro
una presa di sale
uvetta q.b.
1 uovo

Procedimento

In un pentolino mettere a riscaldare il latte con il burro (non far bollire ma solo intiepidire). Nella ciotola della planetaria inserire il lievito madre a pezzetti, il latte tiepido con il burro sciolto, lo zafferano; avviare la macchina con il gancio per impastare; dopo pochi minuti incorporare lo zucchero, il sale e impastare ancora; setacciare tutte le farine insieme e aggiungerle un po’ alla volta fino ad esaurimento; lavorare l’ impasto per almeno 15 minuti che dovrà risultare liscio ed elastico. Lasciare lievitare in un luogo tiepido e coperto con pellicola in modo da isolare l’ impasto da correnti d’ aria (dovrà raddoppiare il proprio volume iniziale). Dividere l’ impasto in tante parti uguali (circa 50g per pezzo); ricavare dei filoncini  e arrotolare in modo da ottenere la caratteristica forma ad esse. Premere un chicco di uvetta su ogni estremità e lasciare lievitare ancora per altri 40 minuti circa, sempre coprendo le brioches con la pellicola per alimenti e lasciandole in un luogo tiepido. Riscaldare il forno a 200°C, spennellare con l’ uovo sbattuto e cuocere in forno per 10/15 minuti. Servire le brioches ancora tiepide.

E ancora…..sul mare luccicaaaa…..l’ astro d’ argentoooo…..
placida è l’ onda…prospero è il vento…..
venite all’ agile…barchetta miaaaaa…
Santa Lucia…
SANTA LUCIAAAAAA!!!!
Gabila Gerardi

Gabila Gerardi

14 Comments

  1. Rispondi

    barbaraT @ pane-burro

    dicembre 12, 2014

    tu sei la dea dei dolcetti!
    🙂

  2. Rispondi

    valentina - sweet kabocha

    dicembre 12, 2014

    😀 le ho fatte anch'io (in versione vegan) e le ho postate giusto ieri!

  3. Rispondi

    Francesca

    dicembre 12, 2014

    hai una bravura nel fotografare che mi ammalia ogni volta, facendo quasi passare in secondo piano la ricetta. Adesso, però, leggo con calma tutto <3

  4. Rispondi

    Tiziana Rimmaudo

    dicembre 12, 2014

    E quale ricettina migliore di questa per inaugurare il mio "nuovo" lievito madre. Di ritorno dal raduno provo queste tue delizie. Mi spiace che non ci sarai, ma so che non mancheranno occasioni gallinesche x vederci e conoscerci, intanto ti mando tanti caldi Baciuzzi siculi!

  5. Rispondi

    Francesca P.

    dicembre 12, 2014

    Sai che mi ricordano dei cavallucci marini? 🙂

  6. Rispondi

    Giulia

    dicembre 12, 2014

    Splendidi! Li ho preparati anch'io un paio di giorni fa e postati ieri. Mi piacciono le tue varianti per renderli più rustici e sani ed immagino che impastati con il lievito madre abbiano decisamente una marcia in più.
    Sulle foto non posso che farti tantissimi complimenti: sono perfette, come sempre!

  7. Rispondi

    marifra79

    dicembre 12, 2014

    Mi hai fatto venire voglia di farli anche quest'anno! Un abbraccio

  8. Rispondi

    Simo

    dicembre 12, 2014

    adoro letteralmente queste briochine…e brava la Gabila canterina, ehehe!

  9. Rispondi

    Aria

    dicembre 12, 2014

    quanto sono belle queste s golose!

  10. Rispondi

    Valentina Gamna

    dicembre 12, 2014

    Poetico accostamento tra Lussekatter e candele: ho adorato le fotografie. Ricetta da provare!!

  11. Rispondi

    consuelo tognetti

    dicembre 12, 2014

    Mai fatte, nè assaggiate..mi fa che devo proprio rimediare 😛
    Buon we cara <3

  12. Rispondi

    Saparunda

    dicembre 13, 2014

    Rimango sempre incantata a guardare le tue foto, che siano qui, su facebook o su instagram.
    Non conoscevo la storia dei Lussekatter (e non li ho nemmeno mai assaggiati) e mi sono fatta qualche risata…per non parlare della canzone!!! Li proverò…. cantando ovviamente! 😛
    Aspetto le altre ricette natalizie… :))

  13. Rispondi

    Cristina P

    dicembre 14, 2014

    Bellissime! …e chissà che buone 😛

  14. Rispondi

    Valentina Bartolini

    dicembre 11, 2015

    Domani! Domani le faccio anche io!!! Non vedo l'ora, è da tanto tempo che voglio assaggiarle! 🙂

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS