Puntarelle alla Romana – Green Recipe

Questi germogli mi fanno letteralmente impazzire, e mangiati crudi, conditi con olio, aceto (tanto aceto per me) e acciughe trovano degna sepoltura (nella mia pancia ovviamente)! Lo so….lo so….è un piatto tipico romano  e qualcuno potrebbe pensare come fa una Toscana a conoscere i germogli della cicoria catalogna….bhè…diciamo che sono curiosa per natura e non mi fermo certo a due centimetri dal mio naso. Oggi quindi niente fornelli e stress da lievitati……attrezzatevi con una buona dose di pazienza, un coltello bello affilato e cominciate a mettere su un pò di ghiaccio perchè senza quello dimenticatevi il ricciolo!

La prerogativa della puntarella è quella di essere arricciolata, croccante, e amarognola…poi per divenire davvero Romana deve essere condita con una salsina a base di acciughe (o alice) olio e aceto! Il mazzo di catalogna va sfogliato, si prendono i germogli e con un coltello affilato si ricavano tante striscioline che dovranno riposare in acqua freddissima (io con ghiaccio), tale riposo regalerà alle puntarelle la caratteristica forma arricciolata ed attenuerà quel marcato retrogusto amarognolo.

Puntarelle alla Romana

Ingredienti

300g di Puntarelle (germogli di cicoria catalogna) pulite e asciugate
1 spicchio d’ aglio
3 filetti di acciughe sott’ olio
4 cucchiai di olio evo
3 cucchiai di aceto di vino bianco
sale q.b.
pepe q.b.

Procedimento

Per preparare questa semplice insalata è necessario assicurarsi di lavorare un prodotto ben lavato e ben asciugato; staccare i germogli (puntarelle) dal cespo di cicoria, eliminare la parte finale e ricavare tante striscioline; metterle in ammollo in una ciotola con acqua e ghiaccio per almeno 1 ora (in questo modo la puntarella si arriccerà). Nel frattempo preparare la salsina a base di acciughe: in un mortaio (o nel mixer, per chi non lo avesse – in questo caso frullare tutti gli ingredienti insieme) sistemare parte dell’ olio, i filetti di acciughe spezzettati, l’ aglio tagliato grossolanamente e cominciare a pestare; aggiungere via via il restante olio e l’ aceto poco alla volta. Salare e pepare e lasciare da parte. Trascorso il tempo, scolare le puntarelle ormai arricciolate e condire con la salsina ottenuta. Servire subito.

Lo so che vi prometto ricette Natalizie ma alla fine arrivano solo zucche e insalate…….ma la ricetta di oggi potrebbe essere un’ idea per un contorno delizioso per il pranzo di Natale….magari per la cena del giorno di Natale, giusto per tenersi leggeri dopo che avrete mangiato a volontà!!! Comunque non gettate la spugna e restate sintonizzati perchè le tanto attese ricettine stanno arrivando…..solo ancora un pò di PAZIENZA che poi è anche la virtù dei forti no??!!?!
Vi abbraccio e vi lascio il mio solito
Bacio grande!
Gabila Gerardi

Gabila Gerardi

12 Comments

  1. Rispondi

    Francesca P.

    dicembre 10, 2014

    Beh, come immaginerai non posso che apprezzare il tuo omaggio a un piatto romano, presentato benissimo, con una luce perfetta e un verde che mi fa sembrare di essere quasi in primavera! 😉

  2. Rispondi

    Giuditta De Risi

    dicembre 10, 2014

    Wow, queste foto sono bellissime! Come sempre del resto.
    Non ho mai mangiato le puntarelle in vita mia, forse dovrei provarle. Ma scommetto che il ricciolo non mi verrebbe!
    Bravissima come sempre Gaby!

  3. Rispondi

    Claudia Magistro

    dicembre 10, 2014

    aspetteremo le bontà natalizie ma lasciami dire che dobbiamo mantenerci leggeri per ora no?
    ahahahahah
    adoro le puntarelle
    grazie
    Cla

  4. Rispondi

    barbaraT @ pane-burro

    dicembre 10, 2014

    Conosco benissimo 🙂 che buone! Sai che esiste un attrezzino per pulirle in un attimo? L'avevo fotografato su questo post, se vuoi te lo spedisco mi farebbe molto piacere!
    http://pane-burro.blogspot.it/2013/12/puntarelle-con-salsa-tiepida-di-alici-e.html?m=0

    • Rispondi

      wp_9258696

      dicembre 10, 2014

      Allora farebbe molto piacere anche a me!!!! Troppo contenta….vado a vedere subito!! Grazie Barbara!

  5. Rispondi

    consuelo tognetti

    dicembre 10, 2014

    Se ti dicessi che mai in vita mia le ho assaggiate??? Mi vergogno e alla vista delle tue sbavo…

  6. Rispondi

    Silvia Brisigotti

    dicembre 10, 2014

    Le conosco bene e le adoro!! Da me in Liguria però proprio non si trovano!!!
    Le cerco ovunque ma niente!
    Ciao!

  7. Rispondi

    Ale

    dicembre 10, 2014

    ANCHE LE PUNTARELLE si vestono di eleganza con te! Complimenti sono bellissime!

  8. Rispondi

    Dolci a gogo

    dicembre 11, 2014

    Trovare le puntarelle a Napoli?? Amica mia ,sapessi ,ho setacciato ogni mercato della zona,niente! Io le adoro ma qui non sanno nemmeno che sono:-D:-D:-D però se mi capitano a tiro le prendo al volo e tu come sempre parli con le tue foto…..sono affascinata dalla tua maestria…cosa darei per fare un corso con te!! Un bacioneeeeee e tesoro ci sentiamo presto!! Baci grandi,
    Imma

    • Rispondi

      wp_9258696

      dicembre 11, 2014

      Io sono qui…..quando vuoi Imma, un bacio!!!!

  9. Rispondi

    Pippi

    dicembre 12, 2014

    Ogni volta che le vedo al supermercato le prendo in mano e poi le rimetto nello scaffale perchè non mi viene in mente come cucinare. ….ora lo so !!! 💟 Gabila i tuoi scatti si fanno ogni giorno sempre più belli 😉
    Un bacione
    Pippi

  10. Rispondi

    madame gateau

    maggio 3, 2015

    Felice di leggerti anche sul posto di lavoro, nella mia coop

LEAVE A COMMENT

RELATED POSTS